Gli ultimi 10 Capitani della Roma

Da Del Sol, castigliano e stella della Spagna negli anni 60, a Totti, il giocatore più forte e importante della storia del club e romano e romanista doc, andiamo a scoprire quali sono gli ultimi 10 capitani ufficiali della storia della Roma…

LUIS DEL SOL (1970-72)

Campione d’Europa con la Nazionale spagnola nel 1964, Luis Del Sol arriva alla Roma nel 1970, dopo aver militato con il Real Madrid e la Juventus. Grazie al suo carisma si guadagna da subito la fascia di capitano, ereditata dal connazionale Joaquim Peirò. Colleziona 50 presenze in giallorosso con 4 gol, conquistando la Coppa Anglo-Italiana nel 1972.

FRANCO CORDOVA (1972-76)

Arrivato alla Roma nel 1967 dal Brescia, Franco Cordova, detto Ciccio, fa subito innamorare i tifosi giallorossi per le sue giocate, estrose come il suo carattere. Ottiene la fascia di capitano nel 1972-73 e la mantiene fino alla fine della sua militanza in giallorosso nel 1976. Col club capitolino vanta 212 presenze e 9 reti, la Coppa Anglo-Italiana nel 1972 e la Coppa Italia nel 1968-69.

SERGIO SANTARINI (1976-1980)

Difensore fisico e tecnico, Sergio Santarini approda alla Roma nel 1968 e vi rimane per ben 13 stagioni. Festeggia la sua prima stagione con la conquista della Coppa Italia. Santarini diventa capitano nel 1976 e lo sarà fino al 1980. In giallorosso colleziona 344 presenze e 5 gol, fregiandosi di tre Coppe Italia e una Coppa Anglo-Italiana.

AGOSTINO DI BARTOLOMEI (1980-84)

Uno dei capitani più amati della storia della Roma, Agostino Di Bartolomei è un punto di riferimento per tutti, grazie al suo grande carisma da leader silenzioso e alla sua classe indiscutibile, fatta di lanci col goniometro, una spettacolare visione di gioco e un tiro micidiale. Capitano dal 1980, conquista tre Coppe Italia e soprattutto lo Scudetto del 1982-83, guidando nella stagione successiva i giallorossi fino alla finale di Coppa Campioni. In totale gioca 214 partite mettendo a segno 49 reti.   

CARLO ANCELOTTI (1984-87)

Carlo Ancelotti approda nella capitale nell’estate del 1979 per volontà di Nils Liedholm che lo nota giovanissimo nel Parma in Serie B. Nonostante i tre infortuni alle ginocchia, Ancelotti è comunque uno dei protagonisti del ciclo vincente della Roma e nel 1984 dopo la cessione di Di Bartolomei diviene Capitano. In giallorosso conquista uno Scudetto, quattro Coppe Italia, con un totale di 171 presenze e 12 reti.

GIUSEPPE GIANNINI (1987-96)

Nato e cresciuto nella capitale, Giuseppe Giannini esordisce giovanissimo in A nel 1981-82 e diventa titolare nel 1984-85. Giannini rappresenta una delle bandiere della Roma, squadra che ha sempre difeso con orgoglio nelle sue 318 apparizioni con la maglia giallorossa, condite da 49 reti. Da Capitano solleva la Coppa Italia nel 1990-91, la terza del suo palmares in giallorosso.

AMEDEO CARBONI (1996-97)

Arrivato nella capitale nell’estate del 1990 dalla Sampdoria, Amedeo Carboni è subito tra i protagonisti della Roma di Ottavio Bianchi con cui conquista nel 1990-91 una Coppa Italia, arrivando anche in finale di Coppa UEFA. Difensore dotato di grandi qualità fisiche e personalità, Carboni rimane in giallorosso per sette stagioni e diventa Capitano nel 1996-97. In totale colleziona 186 presenze e 3 reti.

ABEL BALBO (1997-98)

Goleador di razza, Abel Eduardo Balbo arriva nella Roma di Carlo Mazzone nell’estate del 1993 che lo preleva dall’Udinese. L’attaccante argentino rimane nella capitale per 5 stagioni fino al 1998, per poi a fine carriera dal 2000 al 2002. Nei suoi primi 5 anni in giallorosso Balbo colleziona 146 presenze 78 gol. Diventa Capitano nel 1997-98, stagione in cui realizza 14 reti in 28 partite.

ALDAIR (settembre 1998-ottobre 1998)

Aldair arriva in giallorosso nell’estate del 1990. Dotato di una tecnica e un senso dell’anticipo fuori dal comune, il brasiliano diventa sin da subito una colonna della squadra giallorossa, conquistando una Coppa Italia nel 1990-91. Resta alla Roma per 13 stagioni, collezionando 330 presenze con 14 reti e partecipando, alla conquista dello Scudetto 2000-01. All’inizio della stagione 1998-99 eredita la fascia di capitano ma nel mese di ottobre decide di lasciarla all’astro nascente del calcio italiano e internazionale, Francesco Totti.

FRANCESCO TOTTI (ottobre 1998-oggi)

Il Capitano della Roma per antonomasia, Francesco Totti è il giocatore più importante della storia della Roma, della quale in 23 anni ha frantumato ogni tipo di record. Talento, tecnica, genio e prestanza fisica: tutto questo è Totti, che riassume in maniera unica queste qualità. Un uomo speciale per i tifosi della Roma in primis ma anche per chiunque ama il calcio, di cui è uno dei maggiori interpreti dell’ultimo quarto di secolo. A oggi, è sceso in campo con la maglia della sua Roma 751 volte realizzando 300 gol. Un simbolo, tutto nostro, che possiamo vantare in tutto il mondo. Il nostro Capitano.

Pubblicità